mercoledì 28 maggio 2008

aridaje(come direbbero a Roma)

Avevo pensato di raccontare le mie divertenti disavventure universitarie,pensavo di scrivere un post che avrebbe fatto sorridere voi e fatto passare l'incazzatura a me.
Ma le due ultime mattine trascorse a "La Sapienza" mi hanno lasciato in testa mille altre cose da dire.

Andavo a comprare il libro di linguistica generale quando ho visto i cartelloni nei quali si parlava di un convegno sulle Foibe con disegnato pinocchio.
Soliti cartelli inneggianti ad una forma di revisionismo storico,ho pensato.
Ormai, in fondo, ci siamo abituati.

Al mio ritorno alcuni ragazzi staccavano quei cartelloni ed io ho pensato che facessero proprio bene.

Corro via,prendo l'autobus per tornare a casa.
Accendo il pc e sulla mia home page compare la scritta :"disordini alla Sapienza".

Leggo e resto stupita.

Oggi si parla di rissa, io parlo di attacco.

4 ragazzi aderenti a forza nuova(oh,ma che strano. Come mai?), arrivano in macchina inchiodano davanti ad un gruppo di ragazzi del collettivo studentesco(7 , di cui tre donne) e, muniti di una mazza chiodata,delle spranghe e dei cacciavite, hanno attaccato i 7 che dalla loro avevano scope e secchi per fare attacchinaggio.

Oggi,il nostro caro sindaco Alemanno commenta il gesto come compiuto da "imbecilli".
Cazzo,sono sempre loro i soliti imbecilli.
Quelli di Verona, quelli del pigneto(3 negozi incendiati una settimana fa).
Non c'è "alcun clima che indichi una spinta alla violenza,certi gesti non devono spingere a teoremi politici" e poi " Ci sono solo tanti pericolosi imbecilli che vanno isolati".

Tanti pericolosi imbecilli, tutti casualmente (casualmente,attenzione) aderenti a forza nuova.

Perchè si continua a tentare di derubricare queste azioni?
Per quanto tempo si farà finta che si tratti di ragazzini che hanno fatto un po' di casino?

Uno dei ragazzini in questione si chiama Martin Avaro,nato nel 1980(il ragazzino ha quindi 28 anni!) candidato a sindaco di Guidonia alle passate elezioni comunali. Era stato coinvolto nei fatti di Villa Ada l'estate scorsa,pregiudicato.

Insomma,proprio un giovincello.
Un imbecillotto che gioca a fare il duro.

A Roma abbiamo già capito che l'elezione a sindaco del signor Alemanno che ha alle spalle un passato da estremista di destra,non farà che fomentare i giovani della destra violenta.

5 commenti:

Elena ha detto...

Vorrei puntualizzare...
lo so mi odierai per qualche minuto...
"L’aggressione sfociata in rissa è un fatto da «condannare senza alcun attenuante», ha dichiarato subito il sindaco di Roma Gianni Alemanno: in giro ci sono «imbecilli pericolosi che vanno isolati». Walter Veltroni non ha condiviso: «È sbagliato minimizzare, come sta facendo la destra». Alla Camera, Roberto Giachetti del Pd ha chiesto che il governo riferisca. Ma ancora non conoscevano l’ultima versione della Digos: l’aggressione è partita da sinistra."

beatrice ha detto...

Lo scambio equo mi piace,Elena.
Alemanno ha ovviamente detto che il fatto è da condannare,come poteva dire il contrario?
La digos ha oggi dichiarato che la macchina dei militanti di destra non è stata bloccata ma ha inchiodato ed i ragazzi sono scesi imbracciando già i bastoni e le spranghe.
Sicuramente in pochi minuti i ragazzi del collettivo sono stati raggiunti da alcuni colleghi che portavano sedie ed altri oggetti contundenti.
Non dico che l'errore sia solo da una parte.In generale il clima è troppo teso.Ma non sopporto che si neghi la presenza di un gruppo organizzato di giovani della destra estrema che ha il compito di creare scompiglio attraverso la violenza!

ALESSANDRO BONI ha detto...

torno sul discorso estremi che si toccano anche se penso che uno degli estremi sia sempre ben organizzato in questo tipo di circostanze...

poi in fondo si sa benissimo che sti criminali sono solo il prodotto dell'ignoranza che dilaga sfruttato da chi invece sa ragionare bene...e per il proprio tornaconto.

Si insegnassero di piu' i valori ai propri figli invece di piazzarli davanti una tv perche' la sera si e' troppo stanchi per parlare e perche' no anche discutere con loro...

I giovani hanno fame di autorita', di essere guidati e qualche volta costretti a fare sacrifici imposti...e se non trovano nei genitori queste cose le cercano in altre figure losche pronte ad accoglierli a braccia aperte!

discorso colore:

Negli anni 80 un qualsiasi simbolo fascista era vietato da riprodurre..oggi salutano dal balcone...

indipendentemente dai discorsi populistici..la realta' storica (basata su fatti reali) insegna che il fascismo e' stato un male per l'italia. e qualsiasi cosa richiami quell'ideale di vita e' giusto venga represso e non minimizzato, ne dai media ne (cosa ancor piu' grave) da rappresentanti del popolo.

D ha detto...

Io continuo a farmi coraggio, ma il clima è sempre peggio. Qui in Piemonte anche il meteo è politicopatico, la primavera deve ancora farsi sentire..
Muxu, D.

P.S. ..respiro profondo..: Resistenza!

Silvia ha detto...

:-/