mercoledì 26 novembre 2008

la finestra rotta

25 ore di treno in tre giorni.
E le sento tutte, una per una.
Sono stanca e per nulla concentrata, non ho voglia di discutere nè di amare.
Non riesco a tradurre nè a chiudere tutto e andare a riposare.
La solita indecisa, la solita sciocca che vuole tutto e il contrario di tutto e non sopporta la solitudine.
Oggi è così, oggi mi sento sola. E il silenzio assorda e colpisce in pieno stomaco.
Stasera rinuncio, rinuncio a volermi bene.
Porto il pc sotto le coperte con me e provo a lavorare li.
Ignorando la finestra rotta e il riscaldamento spento.

20 commenti:

hooverine ha detto...

abbasso le poste italiane, direi. no?

Asal ha detto...

Ci sono fonti di calore alternative.. eccone una... :*

Silvia ha detto...

Cara Beatrice...

Anche qui fa un freddo cane, in tutti i sensi, le giornate scorrono uguali, in un posto dove ormai sto da più di un anno (casa mia)e che, seppure adoro perchè ci sono mio padre e mio fratello, in verità non sento affatto mio.
So che andrò via e qui mi sento "di passaggio"...

Devo studiare e spesso anch'io opto per il pc "sotto le coperte".

Oggi cerca almeno di far riparare la finestra altrimenti rischi di ammalarti eh!

Ti mando un bacione

lula ha detto...

piccina mia pure io ti abbraccio

dai dai che almeno il weekend dormi calda

baci patatini

Anonimo ha detto...

Muxu, D. : )

Anonimo ha detto...

Harmonie du soir

Voici venir les temps où vibrant sur sa tige
Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir;
Les sons et les parfums tournent dans l'air du soir;
Valse mélancolique et langoureux vertige!

Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir;
Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige;
Valse mélancolique et langoureux vertige!
Le ciel est triste et beau comme un grand reposoir.

Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige,
Un coeur tendre, qui hait le néant vaste et noir!
Le ciel est triste et beau comme un grand reposoir;
Le soleil s'est noyé dans son sang qui se fige.

Un coeur tendre, qui hait le néant vaste et noir,
Du passé lumineux recueille tout vestige!
Le soleil s'est noyé dans son sang qui se fige...
Ton souvenir en moi luit comme un ostensoir!

beatrice ha detto...

Hooverine: E le case in pessime condizioni.

Asal: ce ne sono tante, ma al momento nessuna. :(

Silvia: Sentirsi di passaggio, che sensazione familiare.

Lula: si si, qui ci sono i riscaldamenti a palla!

D: ricambio

Anonimo: Baudelaire, in lingua originale... Motivo di riflessione.

Anonimo ha detto...

cara beatrice,
non va bene così.
hai mille persone che ti vogliono bene e ti ostini a volerti sentire sola? su dai, forza.

te lo dice una, che mille amici ce li ha e sta trascorrendo l'intero sabato a letto, su internet perché si sente sola ed inutile al pianeta.

ti abbraccio forte
sab

Anonimo ha detto...

sono capaci tutti a mettere il testo su google e a trovare chi l'ha scritto....

beatrice ha detto...

Sab: il mio sentirmi sola dipende da altro, di amici intorno ce ne sono anche se prevalentemente vivono in altre città.
E tu non lasciarti vincere dalla malinconia!


Anonimo: Essere capaci di tradurre il testo dal francese e sufficiente o per tenere un blog mi si chiede di conoscere a memoria tutte le poesie scritte nella storia?

Anonimo ha detto...

Era giusto per puntualizzare, devi sempre fà quella che sa tutto di tutto. Ti ricordavo diversa Baby, molto più simple, ma molto più real

beatrice ha detto...

Anonimo: Mi ricordavi? Io non ricordo nessuno che si chiami "anonimo".
Simple, real? Cosa ti fa supporre che io non sia semplice e concreta se è questo che vuoi dire?
E non faccio quella che sa tutto, non ho nessuna pretesa di onniscienza. Ma forse la letteratura francese è un po' il mio campo, non credi?

Anonimo ha detto...

Non ho molta confidenza con il mezzo qui, ma penso che tu sappia molto bene chi sono.Ripeto, ti ricordo diversa. Mi avevano detto che t'eri laureata e vivevi a Milano pensa un pò le cazzate che viaggiano.

beatrice ha detto...

Anonimo: Che bello sapere che c'è gente che inventa roba su di me.
Comunque, veramente non so chi tu possa essere. Se fai click sul disegnino alla sinistra dello schermo accedi al mio profilo e da li alla mia mail privata.
Mi scrivi lì, per favore?

Anonimo ha detto...

Si ti scriverò con calma, adesso sono di passaggio.Non penso che volessero inventare, sai come funziona, corrono voci, non ci si vede per molto tempo e via. Poi mi hanno detto di questo blog, e sono venuto a leggerlo. La faccia è la tua, ma quello che scrivi, oddio, non ti riconosco.Io ti ricordo semplice, senza fronzoli.Va bene che si cambia nella vita,ma fino a che punto? Non sei la sola comunque. Ho saltellato da un blog all'altro e vedo che il fare poesia va molto di moda.Parliamo di cose serie...Stai a fà la specialistica ve? Che cavolata sto 3+2 però, è solo una grande perdita di tempo

beatrice ha detto...

Anonimo: Qualche indizio? Perchè veramente non ho idea di chi tu sia.
Non credo sia il caso di scrivere informazioni su di me come se fosse carramba che sorpresa.
E mi fa sorridere la tendenza a paragonare la Bea del blog (certamente più riflessiva) con quella della vita reale(solitamente buffa è un po' scema) senza capire che forse sono solo due lati della stessa persona che vengono fuori in diverse situazioni.

Anonimo ha detto...

Non ho capito di che informazioni parli

beatrice ha detto...

Anonimo: Volevo semplicemente dire che non risponderò alle tue domande nei commenti del post.
Se vuoi, scrivimi in privato.
Lo preferisco.

Anonimo ha detto...

Ma di quali domande parli, non ti seguo, non ti ho fatto domande intime, forse non stai parlando con me?

beatrice ha detto...

Anonimo: Non ho detto che non rispondo alle tue domande perchè troppo intime. Ma questa non è una chat nella quale ci mettiamo a fare domande e risposte sui cavoli nostri.
Quindi, ribadisco, se vuoi chiedermi cose e spiegarmi chi sei scrivimi in privato.