domenica 16 marzo 2008

libri


Ho finito ieri di leggere "Mille splendidi soli".Ci ho impiegato due giorni,nonostante le mie giornate siano totalmente impegnate dallo studio per l'esame della borsa di martedì.
L'insonnia mi aiuta non poco.
Adesso sto leggendo un altro romanzo prestatomi da Giulia.
La mia libreria piange,c'è solo un libro sui samurai che manca all'appello.Gli altri libri sono già stati letti e,a volte,riletti.
Li ho contati,sono 98.
Pochissimi!
Cosa sono 98 libri?A confronto con tutti quelli che vale la pena leggere?
Quando sono tornata a Catania,la scorsa estate,ho scoperto che i miei genitori traslocando avevano buttato tutti i libri che c'erano in casa,lasciando solo quelli che secondo loro avevano valore.
BUTTATI.Mi stavo sentendo male.

Qui a casa mia ci sono solamente i libri che ho letto nei miei 5 anni e mezzo di vita da sola.
98,più un certo numero di libri prestati da qualche amico... avrò letto 120 libri in questi 5 anni e mezzo.
Non tantissimi,ma di certo un numero nettamente superiore alla media nazionale.

La metà di questi libri sono di autori nipponici.
Riflettevo sul fatto che praticamente da anni non compro libri che non siano giapponesi.
Vado nelle librerie,accarezzo i le copertine come al mio solito e lascio che qualcosa attiri la mia attenzione,di solito un bel romanzo con un volto orientale in copertina.
Sto diventando monotematica.
Per questo ho pensato di chiedere a voi,lettori del mio blog ,qualche consiglio per i miei prossimi acquisti.
Qualche libro che DEVE esser letto,qualche piccolo capolavoro che mi è sfuggito.
Aspetto i vostri consigli.

2 commenti:

PuroNanoVergine ha detto...

E' un suggerimento scontato :

"Le cosmicomiche" di Calvino
o, sempre di Calvino,

"Ti con zero".

Sono raccolte di racconti.

Anonimo ha detto...

la mia liberia è sempre a tua disposizione... la bastarda si istanbul ti piacerebbe molto! giulia