giovedì 27 ottobre 2011

carta da zucchero



Apri il primo cassetto del mobile sotto il letto sul tetto, in cerca proprio di quelle calze lì, quelle color carta da zucchero, che ti mettono di buon umore e ti fanno sembrare una bambina(o quasi, che ormai non è più tempo), trovi le mutande rosse, con il pizzo nero di lato, i calzini della palestra, quelli vecchi e un poco lisi, il reggicalze con i fiocchetti blu, e quelle parigine belle mai messe, quelle con i fiori piccoli viola.
E poi ci trovi un sacco di cose che non sapevi, non ti aspettavi, non ricordavi, o credevi non potessero più starti bene.
Eh beh. così è la mia vita, un cassetto incasinato di persone ed emozioni, persone, facce e odori. Un cassetto nel quale un giorno, trovi le parigine nuove e te le metti, e decidi che ci andrai in giro tutto il giorno.
Ricordandoti che ci sono sempre le calze color carta da zucchero, che da sempre riescono a metterti di buon umore.

6 commenti:

Che ansia la vita ha detto...

l'ultima volta che ho guardato nel "mio cassetto" ho trovato gli ultimi completini intimi a me regalati e indossati mezza volta solo per non crear litigi.
C'è del cattivo gusto in giro lo sapevi vero?

beatrice ha detto...

i completini intimi brutti vanno buttati via, come la gente con poco gusto che li ha regalati.

Che ansia la vita ha detto...

amen sorella, appena torno a casa lo farò.

Luisa ha detto...

te l' ho mai detto che, ancorchè non ci consciamo, ti voglio troppo bene?
Profonda, delicata, sensibile.. dolcissima.
A tuo modo, magari, ma dolcissima.

beatrice ha detto...

Luisa dolce come le cipolline all'aceto balsamico :P

Baol ha detto...

A volte penso che la mia vita sia lo sportello di un frigo in cui abbiano lasciato scadere un lievito di birra.

(per esperienza persona, una cosa terribile)